about

Elena Cutolo è nata a Napoli nel 1966, studia architettura a Napoli e a Barcellona e si laurea nel 1992. Nel 1993 si trasferisce a Parigi per collaborare con lo studio di architettura Reichen&Robert. Dal 1998 vive a Milano, inizia la sua collaborazione con lo studio Sottsass Associati per progetti di architettura e, dal 2002 al 2007, con Ettore Sottsass occupandosi di progetti di architettura d’interni, di allestimenti di mostre e di design.
Nel 2008 apre il suo studio a Milano. Come designer progetta per aziende come Morellato, Venini (Edizioni Limitate), Glas Italia, Altreforme, Bosa, Purho e Seletti.

la mia vita creativa

Sono nata a Napoli nel 1966, timida, curiosa e piena di fantasia.
Nel 1975 vedo in televisione un documentario in bianco e nero sulla villa Savoye di Le Corbusier e decido: “da grande farò l’Architetto”.
Nel 1985 mi iscrivo alla facoltà di Architettura di Napoli e nello stesso anno mi capita di sfogliare il libro “MEMPHIS” e di scoprire il lavoro di Ettore Sottsass e penso: “sarebbe bello un giorno lavorare con Lui”.
Nel 1992 sono in Spagna, Barcellona con il progetto universitario Erasmus. Per il corso di architettura riconvertita immagino di trasformare la Casa Tàpies in Museo sulla Storia del Cappello. Disegno e produco un modellino “sombrerera huevo duro”: è il mio primo oggetto di design. Nel 1992 mi laureo a Napoli con Renato de Fusco storico di architettura e design ed una tesi: Il “Mudéjar” uno stile tra l’Islam e la Cristianità.
Dal 1993 al 1997 vivo a Parigi, la mia città preferita, dove lavoro nello studio Reichen&Robert al progetto di riconversione dell’antica fabbrica di cioccolata Menier a Noisiel, nella nuova sede sociale Nestlé-France.
Nel 1998 torno in Italia, a Milano per lavorare nello studio di Sottsass Associati occupandomi di architettura d’interni.
Nel 2002 il mio sogno si avvera: Ettore Sottsass mi chiede di lavorare con lui. Così per sei anni come due bambini tra matite, acquarelli, metri, modelli ed infinite liste di progetti e cose da fare, disegniamo: mobili, gioielli, argenti, ceramiche, vetri, oggetti, lampade, allestimenti ed interni fino all’ultimo progetto per Francesco Vezzoli: “la cabina del desiderio”.
Oggi, cosa mi ha lasciato il Maestro Sottsass?
Il desiderio di sperimentare, di scoprire, di imparare, di immaginare cose nuove osservando tutto ciò che già esiste e mi circonda. E’ un lavoro continuo, nasce senza un committente reale e richiede una grande energia. Creare è una necessità sensoriale mossa da un entusiasmo infantile che deve essere continuamente alimentato.
Sono nata e cresciuta a Napoli (la città che Goethe ha definito:”Un paradiso popolato da diavoli”) guardando il mare. Forse è da lì che deriva il mio essere, sempre in movimento.

___________________________________________________

Elena Cutolo was born in Naples (Italy) in 1966.
She studied architecture in Naples and Barcelona and she graduated in 1992.
In 1993 she moved to Paris working for Reichen&Robert studio architecture.
Since 1998 she has been living in Milan where she began to collaborate with Sottsass & Associates for architectural projects.
From 2002 to 2007 she worked with Ettore Sottsass being in charge of interior decoration projects, exhibition design and object and furniture design.
In 2008 she opened her own studio in Milan. As designer she works for Companies such as Morellato, Venini (Limited Editions), Glas Italia, Altreforme, Bosa, Purho and Seletti.

my creative life

I was born in 1966 and grew up in Naples, staring at the sea. Maybe it is from it, that comes my being always in movement.
In 1975, already full of curiosity and imagination, watching a black-and-white TV documentary on “La ville Savoye” from Le Courbusier, I think: I want to become an architect.
In 1985 I apply at the University of Architecture in Naples.
In 1992 I move to Barcelona with an Erasums fellowship. During the architectural reconversion course I imagine to transform Tàpie’s house into a Museum on the hats’ history. There I design and realise “Sombreo huevo duro” my very first design object.
In 1992 I graduate with Renato de Fusco, chair of architecture history with the thesis: “Mudéjar” a style among Islam and Christianity.
From 1993 to 1997 I live in Paris, where I work with Reichen&Robert to the reconversion of the former Chocolate factory “Menier” at Noisiel, into the Nestlé-France headquarters.
In 1998, I move back to Italy, in Milan, where I start working at Studio Sottsass Associati on interiors design.
In 2002 my dream comes true: Ettore Sottsass asks me to work with him.
Then, for six years like two kids, among pencils, watercolours, rulers, mock-ups and an endless list of projects and things to do we design: furniture, jewels, silverware, ceramics, glasses, objects, lamps, exhibitions and interiors, till the last project “la cabina del desiderio” for Francesco Vezzoli.
What the “Maestro” Sottsass left to me?
The desire to experiment, to discover, to learn, to imagine new things watching everything already existing and surrounding me. It is a continuous job; it comes up without a real buyer and needs great energy. To me creativity is a sensorial need. It is spurred by a childish enthusiasm, which needs to be continuously fed. I was born and grew up in Naples (the city that Goethe called "a paradise inhabited by devils") staring at the sea. My attitude maybe comes from there that, I am always moving.

©elena cutolo architetto